• bee-Friends DAY 2018 - 16 Novembre
  • Iscriviti al nuovo gruppo facebook di apicoltura biologica e bee-friendly!
  • Vai alla categoria attualità
  • Vai alla categoria Notizie dal Mondo
  • Vai alla categoria Prodotti dell'alveare
  • Vai alla categoria Tecniche Apistiche
  • Vai alla categoria Attrezzature
  • Vai alla categoria Malattie
  • Vai alla categoria Ricerca
  • Vai alla categoria Cultura
  • Vai alla categoria Appuntamenti
  • Iscriviti Gratis alla Newsletter

Partiamo con un’apicoltura più amichevole, a cominciare dalla scelta dell’arnia

02 Gennaio 2011

Quando si pensa di diventare apicoltore, la scelta dell'arnia è sempre una decisione difficile perché, una volta presa, da quel...

Le funzioni e l'uso della camera calda in laboratorio

11 Marzo 2015

Il miele è un prodotto viscoso e, in più, tende a cristallizzare. Per essere lavorato in tempi ragionevoli e senza...

Gli attrezzi per allontanare le api dal melario

14 Dicembre 2008

L'apiscampo Molti apicoltori reputano inutili alcuni accessori, che a nostro avviso meriterebbero più attenzione tanto da essere collocati tra le...

A proposito di arnia: ecco alcuni consigli per non sbagliare l'acquisto

10 Marzo 2009

Il più classico errore che l’apicoltore alle prime armi può compiere, è quello di costituire la prima cellula della propria...

«
»

Gli articoli in evidenza

Come si produce la pappa reale

La pappa reale è il prodotto della secrezione delle ghiandole ipofaringee e mandibolari delle api nutrici con le quali nutrono tutte le larve fino a due giorni di vita – in seguito saranno alimentate solo di miele e polline – mentre l’ape regina non interromperà mai questo tipo di alimentazione che le conferirà tutte le caratteristiche che abbiamo detto.

Per raccoglierla, l’apicoltore deve indurre le api di casa a convincersi che nell’alveare non ci sia l’ape regina. Per fare questo, isola una parte dell’alveare con una griglia che, mentre impedisce alla regina di passare, sfruttando la sua dimensione superiore, fa circolare liberamente le api. Quelle che si trovano nella porzione dell’alveare che non contiene la regina, si sentono “orfane” perché non percepiscono più l’odore “reale” e le nutrici cominciano ad alimentare alcune larve, che avrebbero dovuto trasformarsi in api operaie, con abbondante pappa reale. Per aumentare la produzione, gli apicoltori hanno imparato a trasferire delle piccole larve di operaia – l’operazione si chiama traslarvo – in celle reali artificiali, ma che le api riconoscono come proprie. Allora alimentano queste, che possono essere estratte facilmente, al posto di quelle naturali, senza che ciò alteri in nessun modo la qualità del prodotto.

Dal momento del traslarvo alla raccolta, devono passare 72 ore, durante le quali le api nutrici riempiono le celle con la pappa reale necessaria alla larva per effettuare la metamorfosi. A questo punto le celle reali vengono prelevate e il prodotto si aspira, con una pompa e, dopo un leggero filtraggio, si pone immediatamente in congelatore. Nelle celle liberate dalla pappa reale, vengono di nuovo immesse delle piccole larve di operaia e il ciclo continua. Considerando che la produzione si può prolungare per buona parte del periodo primaverile-estivo e che ogni tre giorni se ne possono prelevare circa 20-30 grammi per alveare (una cella può contenere dai 200 ai 400 mg di pappa reale), se un alveare è destinato soltanto alla produzione di pappa reale, questo ne può produrre anche 1 kg l’anno

Dai lettori

L’Apicoltura Naturale con l’Apis cerana Cerana e altre utopie apistiche

25 Gennaio 2013

“…Siamo realisti, vogliamo l’impossibile…” Ernesto Che Guevara. Salve a tutti i lettori del sito, mi chiamo Giorgio e vi scrivo...

Alcuni consigli sul tipo di fondo e di vernice da utilizzare per l'arnia e sul migliore abbigliamento per visitare le api

31 Marzo 2009

Ciao Marco,scrivo dalla Puglia e ho intenzione quest'anno di iniziare l'attività apicola, semplicemente a livello hobbistico. Ho un'infarinatura generale della...

A proposito di blocco di covata: l'esperienza di un lettore

19 Febbraio 2009

Anch'io quest'anno per la seconda volta ho effettuato il blocco di covata su 120 famiglie; direi che il metodo funziona...

Carteggio tra un giovane apicoltore ed uno... un po' meno giovane

02 Gennaio 2011

Pubblico un lungo scambio di mail tra me ed un giovane apicoltore. Credo sia interessante perché sono le domande che...

Come introdurre in una nuova arnia lo sciame artificiale

29 Aprile 2009

Buona sera, intanto complimenti per il sito ben strutturato. Volevo chiederti una cosa: tra un mesetto mi consegneranno il mio...

Bioapi il portale di apicoltura biologica e naturale

Logo Bioapi

Bee Radio Podcast